Come si alimentano gli idropulsori

Di idropulsori se ne possono trovare in commercio di varie dimensioni, fra i più ingombranti del tipo fisso da bagno o di taglia smart come i modelli portatili, per avere un quadro più esauriente si rimanda alla consultazione del sito www.sceltaidropulsore.it. I prodotti di dimensioni più grandi strutturati con un manico fisso comunicante con la base in certi casi sono dotati anche di vano porta ugelli, una comodità che non tutti gli idropulsori sul mercato offrono. Ad esempio, non ce l’hanno i modelli cordless, che montano nella migliore delle ipotesi un piccolo supporto ancorato alla base in grado di contenere un solo ugello. Il tipo di alimentazione di un idropulsore condiziona la scelta, insieme ad altri fattori come le performance e la semplicità d’uso. Gli idropulsori sono alimentati in tre maniere: a rete, a pile e con batteria interna.

Si alimentano a rete gli idropulsori fissi, che vengono stabilizzati nel bagno e collegati a una presa elettrica, pronti all’uso in ogni minuto, anche per sessioni prolungate visto che la loro potenza lo permette. Proprio la potenza maggiore rappresenta un vantaggio dell’idropulsore fisso, mentre se andiamo a guardare i difetti sono rappresentati da scarsa maneggevolezza e grosso ingombro. Quelli a pile sono meno diffusi degli altri e fanno parte della categoria degli idropulsori portatili e da viaggio, per uso comunque saltuario. Funzionano, a seconda del modello e delle dimensioni, con due o tre pile stilo AA e rispetto ai top di gamma hanno potenzialità ridotte.

Per finire abbiamo gli idropulsori con batteria interna, costituiti da una base di ricarica da fissare al manico che ha una batteria incorporata agli ioni di litio o Ni-MH. L’optimum sarebbe un idropulsore ibrido, ossia con una batteria agli ioni di litio con i tempi di ricarica dimezzati. In ogni caso gli idropulsori con batteria interna sono fra i modelli migliori sul mercato, in quanto danno massima libertà di movimento e presentano un ingombro notevolmente ridotto. Di contro, si ha in questi idropulsori una potenza minore e un serbatoio con capienza inferiore. Un idropulsore per ogni esigenza, a seconda se si necessita di un apparecchio fisso o portatile, con caratteristiche e opzioni diverse che contraddistinguono il mercato di questi utili dispositivi per una perfetta igiene orale e dentale.